Ore prima di segnare due fuoricampo e punteggiare una vittoria enfatica, il grande dei Cardinals Albert Pujols ha dato una mancia a un giovane compagno di squadra in difficoltà, portando all’homer che ha cambiato il gioco.

Durante un incontro di battitori domenica mattina presto, Pujols ha tirato fuori dai suoi precedenti battute contro il mitigatore del Milwaukee Taylor Rogers, incluso uno strikeout di otto tiri sabato. Cinque degli otto tiri che Pujol ha visto erano lo slider di Rogers. Ha detto ai suoi compagni di squadra, incluso Dylan Carlson, come Rogers ha usato lo slider, come si è mosso e il punto per cercarlo come campo da guidare.

“È aggressivo con esso”, ha ricordato Carlson. “Sii pronto per partire.”

Carlson ha condotto l’ottavo inning contro Rogers domenica e il primo lancio del mancino è stato uno slider. Carlson era pronto per partire. Ha pilotato il campo nei sedili del campo sinistro per rompere un pareggio e inviare i Cardinals al primo posto verso una vittoria per 6-3 al Busch Stadium e una vittoria in serie contro il Milwaukee al secondo posto. L’homer solista di Tyler O’Neill ha pareggiato la partita al sesto, l’homer di Carlson ha rotto quel pareggio all’ottavo e attorno a quelli c’erano i due homer di Pujols: uno per iniziare le marcature e un knockout di tre run per finire la serie.

Le persone stanno anche leggendo…

  • Editoriale: Perché un ex presidente che non legge vorrebbe scatole di documenti a casa sua?
  • Nolan Arenado dei Cardinals ha la squadra in competizione che desiderava ardentemente, compagno di squadra che non poteva immaginare
  • Goold: Tyler O’Neill dovrebbe guardarsi alle spalle
  • Bissell Mansion, teatro di lunga data del 1820, è in vendita per $ 250.000
  • Gordo: I cardinali hanno appena detto di no a ipotecare il loro futuro alla scadenza
  • I bibliotecari scolastici del Missouri ritirano i libri poiché la nuova legge consente accuse per materiale “esplicito”.
  • Adam Wainwright era convinto che avrebbe lanciato un no-hitter per i Cardinals, che perdono al decimo posto
  • Viste dei media: il famoso giornalista sportivo Bob Costas parla di Trump, dei giocatori di baseball non vaccinati
  • Appunti cardinali: Quando Juan Yepez esce dalla lista degli infortunati, chi va dalla panchina?
  • Teen muore dopo essere caduto al Klondike Park nella contea di St. Charles
  • Hochman: ‘Noooo!’ Il preferito dai fan Lars Nootbaar è uno spasso nella clubhouse dei Cardinals
  • Nolan Arenado dei Cardinals torna a Denver; Tommy Edman torna in seconda base
  • Lo sviluppatore prevede una riqualificazione da 1,2 miliardi di dollari sul lungofiume di St. Louis
  • Schnucks, vicini in disaccordo per il vagabondaggio, minzione pubblica vicino al negozio di South St. Louis
  • L’uomo accusato di aver ucciso un adolescente in un incidente stradale è stato rilasciato dopo che le accuse erano state rifiutate

Come il suo secondo homer della giornata, 10° della stagione e 689° della sua carriera ha viaggiato per 443 piedi nelle gradinate del centro sinistro, Pujols è entrato al trotto e ha indicato la panchina. Poi ha allungato le mani sul petto, come per evidenziare il nome della squadra cucito lì.

“È molto chiaro quello che stava affermando: questa è la nostra casa”, ha detto il manager Oliver Marmol. “Non verrai qui e ci batterai.”

Pujols ha detto: “Proprio la reazione che ho avuto. Grande successo in una grande situazione”.

Come Carlson, a causa della descrizione di Pujols, essendo pronto per un lancio che non aveva mai visto da un lanciatore che non aveva mai affrontato, gran parte della domenica è iniziata in piccoli momenti.

O’Neill e Carlson hanno armadietti uno accanto all’altro nella club house dei Cardinals. Si allungano insieme, giocano in campo l’uno accanto all’altro e condividono diverse routine pre-partita, e non è tutto ciò che condividono.

Entrambi hanno lottato. Carlson ha vissuto alti e bassi per tutta la stagione, mentre O’Neill ha trascorso la maggior parte dell’anno infortunato cercando il suo swing o entrambi. La continua ricerca dei Cardinals di una scintilla al leadoff li ha riuniti di nuovo in cima alla formazione domenica. Mentre si allungava e parlava domenica, O’Neill si chinò su Carlson.

“È il nostro giorno”, ha detto.

Carlson è entrato nel vantaggio di battuta di domenica, ma 4 su 37 (.108) dal suo precedente homer. O’Neill, arrivato secondo, aveva colpito in sei dei suoi precedenti otto at-bat e aveva colpito .080 rispetto ai suoi precedenti 25 at-bat. Ha avuto sette homer nelle sue prime 91 apparizioni in targa la scorsa stagione. Ha iniziato la sesta domenica con sei homer nelle sue ultime 265 apparizioni di targa.

A O’Neill è stato chiesto cosa avesse ispirato la sua dichiarazione.

“Siamo dovuti. È giunto il momento”, ha detto O’Neill. “Vogliamo iniziare a sbattere qui. Ci atteniamo a standard più elevati, soprattutto più di quello che stiamo pubblicando in questo momento. Vogliamo eccellere. Quindi questo è l’obiettivo. Vogliamo andare il più possibile in base per i grandi bastoni. Prenditi cura degli affari”.

Prima che arrivasse il loro giorno o il loro dovuto, la domenica è iniziata con più o meno lo stesso. Quando O’Neill è arrivato al piatto con uno eliminato al sesto inning, nessuno dei due esterni aveva raggiunto la base contro Aaron Ashby, mancino di Milwaukee. O’Neill ha avuto due ground out. Carlson ha segnato due, vincendo come è finito il secondo.

Nel secondo inning, Hunter Renfroe ha segnato un homer di due punti contro il titolare dei Cardinals Miles Mikolas per i primi run del gioco. Carlson pensava di aver giocato con la palla, saltando e allungandosi oltre il muro solo per far atterrare la palla appena oltre il suo guanto.

“Non è un segreto che ho lottato un po'”, ha detto Carlson. “Quella palla volante, quel fuoricampo, mi è sfuggito di mano, proprio come è andata per me ultimamente. Quindi, per farmi venire in quella situazione in quel modo (più tardi), stavo cercando di mantenerlo il più semplice possibile.

Il 688esimo homer di Pujols della sua carriera ha tagliato a metà il vantaggio dei Brewers.

Il primo homer di O’Neill in 10 giorni ha pareggiato 2-2 contro Ashby.

Mikolas (9-9) ha continuato a lavorare velocemente per mantenere quel nodo. La curva a destra ha concesso quattro colpi. Uno non ha lasciato il campo interno e un altro è stato cancellato da un doppio gioco. Ha mantenuto il ritmo vivace non camminando un battitore e, dopo l’homer di Renfroe, Mikolas ha ritirato 13 dei successivi 14 battitori Brewers. Lui e Ashby che si sono scambiati rapidi inning hanno portato a una partita di due ore e 17 minuti, la più breve della stagione a Busch.

“Il lanciatore preferito di tutti dalla famiglia, porta tutti a casa per cena”, ha detto Mikolas. “In questo caso, magari anche a casa per pranzo.”

Mikolas aveva appena lanciato un ottavo perfetto, eliminando gli ultimi due battitori che avrebbe affrontato nel gioco e portando il pareggio in fondo all’inning. Marmol aveva preso la decisione all’inizio del gioco di impostare come voleva che la formazione cercasse il soccorritore mancino dei Brewers Rogers. Rimase con Pujols contro un destriero al settimo posto e contò sulla possibilità che la partita sarebbe tornata da lui contro. un mancino dopo.

Quella possibilità doveva iniziare con Carlson.

Si avvicinò al piatto senza il bagaglio degli ultimi incidenti.

Il giovane difensore centrale ha detto che parlando con O’Neill dei loro crolli intrecciati e la fiducia di O’Neill all’inizio di domenica lo ha messo in “quel giusto spazio di testa per andare là fuori”. I consigli di Pujols gli hanno dato il campo giusto da cercare e il posto giusto dove guardare. Ha avuto il destro swing dal lato destro per salutarlo e lanciare i Cardinals al loro primo vantaggio.

“A questo punto della stagione, stai solo cercando di aiutare la squadra a vincere in ogni modo possibile”, ha detto Carlson. “Soprattutto in una serie come questa. Questi sono grandi giochi. Dobbiamo vincere questi. Cercando di aiutare la squadra. Penso che quando lo metti in quella prospettiva, aiuti molto. Togli un po’ di pressione e giochi e basta”.

Hochman: Albert Pujols, come Stephen Curry, ha preso il controllo del più grande gioco dei Cardinals

Taccuino dei cardinali: il turno di rotazione massimizza le partenze mancine, dà a Dakota Hudson il tempo di riorganizzarsi

.

Leave your comment