SANTA CLARA, California — Per quanto i San Francisco 49ers fossero sorpresi di essere stati in grado di mantenere il quarterback Jimmy Garoppolo con un contratto notevolmente ridotto, che impallidiva rispetto a come lo stesso Garoppolo pensava che la sua drammatica offseason sarebbe finita.

Giovedì, Garoppolo ha parlato con i media della Bay Area per la prima volta da febbraio. 1 e da quando ha firmato un contratto rivisto di un anno per rimanere a San Francisco lunedì. Non è una posizione in cui Garoppolo si immaginava di tornare dopo aver detto un addio emotivo alla squadra, ai suoi tifosi e ai media durante l’inverno.

Questo perché, durante una turbolenta offseason che includeva un intervento chirurgico alla spalla destra, Garoppolo ha sempre creduto che si sarebbe concretizzata un’opportunità per iniziare altrove.

“[Returning] davvero non avevo in mente di essere completamente onesto”, ha detto Garoppolo. “Mi stavo allenando qui. Dovevo essere qui, quindi ero qui per quel motivo. Stavo solo cercando di sistemare il mio corpo. … Mi sentivo molto fiducioso là fuori e sapevo di essere pronto per partire. Devo solo capire dov’era. E le cose sono andate a posto in questi ultimi due giorni”.

Per la maggior parte della bassa stagione, sembrava imminente un divorzio tra Garoppolo e i Niners Trey Lance destinato a subentrare come quarterback.

Secondo Garoppolo, lui ei suoi rappresentanti hanno avuto “molte discussioni con altre squadre” ma nulla è mai arrivato al punto in cui una squadra diversa gli ha parlato di rielaborare il suo contratto per facilitare uno scambio.

Se non fosse stato per l’intervento chirurgico alla spalla, quella sarebbe stata una storia diversa, comunque. Alle riunioni dei proprietari della NFL in primavera, il direttore generale John Lynch ha affermato che qualsiasi serio interesse è svanito quando Garoppolo è stato sottoposto alla procedura.

Giovedì, Lynch ha rivelato che pensava che qualcosa fosse vicino a essere fatto prima.

“Quello che posso dirti con grande sicurezza è come combinare il tempo, ci sono stati colloqui davvero seri con probabilmente due, tre squadre che ho sentito – dovresti chiederglielo – come se stesse per accadere”, ha detto Lynch. “Ed è allora che si è diffusa la notizia.”

Ma una volta che Garoppolo ha ripreso a lanciare a fine giugno ed è stato autorizzato ad allenarsi all’inizio del campo dei Niners il 26 luglio, quell’interesse precedente non si è mai riacceso, poiché la maggior parte delle squadre bisognose aveva già riempito i posti vacanti di quarterback.

“Ecco perché eravamo un po’ perplessi”, ha detto Lynch. “Sì. Perché puoi parlare con il suo medico, puoi parlare con il nostro medico, può parlare con molte persone e stava bene. Ma siamo felici che non l’abbiano fatto. Siamo felici che sia qui .”

Nonostante tutto, nessuna delle due squadre aveva scadenze prestabilite, il che ha permesso ai 49ers di aggrapparsi a Garoppolo per tutta la preseason nel caso in cui un infortunio altrove avesse aperto l’opportunità di balzare in aria.

Anche se le possibilità che ciò accadesse diminuivano, Garoppolo ha detto di aver preso in considerazione l’idea di chiedere a San Francisco il suo rilascio. Ma non ha mai premuto il grilletto perché non voleva che quella che era una corsa per lo più di quattro anni e più di successo finisse in quel modo.

“Semplicemente non era il modo in cui volevo andare”, ha detto Garoppolo. “Penso che a un certo punto ci sia stato un pensiero a riguardo, fidati che c’era, ma andava e veniva. … Sono una di quelle persone che non voglio davvero arruffare troppo le piume qui e lì e in un certo senso volevo semplicemente seguire il flusso. Ed è un po’ il modo in cui stava andando il campo di addestramento e ne sono stato felice “.

Alla fine, la situazione è precipitata questa settimana, poiché i Niners hanno dovuto decidere se mantenere Garoppolo nel roster entro il taglio di martedì ai roster iniziali di 53 uomini. Nonostante le precedenti insistenze contrarie, l’idea che i Niners avrebbero mantenuto Garoppolo al suo precedente limite salariale di $ 26,9 milioni non è mai stata un’opzione, ha detto l’allenatore Kyle Shanahan.

Il che significava che spettava a Garoppolo prendere una grossa riduzione di stipendio per rimanere o essere rilasciato e identificare una situazione che credeva fosse più vantaggiosa per lui.

Alla domanda sul perché giovedì abbia optato per la prima, Garoppolo ha detto che erano “molte cose”, sottolineando la sua familiarità con la squadra, lo schema, i suoi allenatori e, forse più importante, preparandosi per oltre il 2022. Ecco perché era importante per Garoppolo ottenere una clausola no trade e no tag inserita nel suo contratto rielaborato.

“Vedere le altre opportunità che c’erano là fuori e pesare i pro ei contro di tutto”, ha detto Garoppolo. “Fidati di me, c’erano molti avanti e indietro solo con altre squadre e come volevo che fosse il mio futuro. E quindi, questo è quello che volevo”.

Solo un paio d’ore prima dell’incontro con i media, Garoppolo era tornato sul campo di allenamento con la sua consueta n. 10 maglia. Era uno spettacolo familiare, anche se per la prima volta Garoppolo era secondo nelle esercitazioni individuali dietro a Lance.

Fa tutto parte della nuova e vecchia realtà simultanea di Garoppolo. Almeno per ora, Garoppolo e Lance sembrano indifferenti a come faranno funzionare la loro situazione unica.

Prima di riportare indietro Garoppolo, Shanahan ha parlato con entrambi i quarterback. Il suo messaggio era semplice: non cambia nulla in termini di gestione degli affari.

“Non è una mia decisione, è una decisione dell’organizzazione”, ha detto Lance. “Jimmy è stato nel roster per tutto questo tempo. Ovviamente, sapevo che era una possibilità di riportarlo indietro. Non c’è stato nessun cattivo sangue tra me e Jimmy dal primo giorno. Ero a braccia aperte, entusiasta di riaverlo .”

.

Leave your comment