Un uomo che indossa una maschera riceve un vaccino covid nella sua auto da un operatore sanitario

I colpi di richiamo COVID basati sulla variante del coronavirus Omicron saranno presto disponibili negli Stati Uniti e nel Regno Unito.Credito: Joe Raedle/Getty

Nei prossimi giorni, le persone negli Stati Uniti e nel Regno Unito saranno tra le prime a ricevere una nuova razza di vaccino contro il COVID-19. La speranza era che questi vaccini aggiornati, basati sulle varianti di Omicron, offrissero una protezione sostanzialmente maggiore rispetto ai vaccini più vecchi basati sul virus emerso nel 2019. Ma un’analisi1 che i booster aggiornati sembrano offrire più o meno la stessa protezione di una dose extra dei vaccini più vecchi, in particolare quando si tratta di tenere le persone fuori dall’ospedale.

“Questo non è una sorta di super-scudo contro le infezioni rispetto a quello che avresti potuto ottenere due settimane fa o un mese fa”, afferma John Moore, uno scienziato dei vaccini presso la Weill Cornell Medicine di New York City che non è stato coinvolto nel studio di modellizzazione, pubblicato sul server di prestampa medRxiv il 26 agosto. Le autorità di regolamentazione degli Stati Uniti e del Regno Unito avrebbero dovuto prendere in considerazione la potenziale efficacia dei vaccini aggiornati prima di autorizzarli, sostiene Moore.

Il 15 agosto, il Regno Unito è diventato il primo paese ad approvare questi vaccini “bivalenti”, basati sul lignaggio Omicron BA.1 e sulla sequenza originale SARS-CoV-2 identificata a Wuhan, in Cina, e li lancerà presto . E questa settimana, il governo degli Stati Uniti dovrebbe dare il via libera a vaccini bivalenti simili.

Piccole prove di efficacia

Prove di efficacia su larga scala hanno dimostrato che la prima generazione di vaccini COVID-19 ha ridotto il rischio di malattia di oltre il 90%. Ma tali studi – che hanno comportato l’assegnazione casuale di decine di migliaia di persone per ottenere un vaccino o un placebo e seguire chi è stato infettato – non sono più pratici, possibili o etici nel 2022.

I vaccini COVID aggiornati sono stati invece sperimentati in gruppi più piccoli. Per valutare l’efficacia, gli sviluppatori hanno tipicamente misurato le risposte immunitarie dei partecipanti, in particolare gli anticorpi “neutralizzanti” che bloccano le infezioni, e le hanno confrontate con quelle delle persone che hanno ricevuto un’altra dose del vaccino originale.

Come misurare i booster COVID.  Grafico a barre che mostra l'efficacia dei colpi di richiamo.

La maggior parte di questi studi ha rilevato che i vaccini aggiornati, basati non solo su Omicron, ma anche su varianti più vecchie tra cui Beta, hanno ottenuto risultati leggermente migliori in questa misura rispetto ai vaccini originali. “Questo è un richiamo chiaramente superiore”, ha detto agli investitori l’8 giugno il presidente di Moderna, Stephen Hoge, quando ha propagandato tali risultati dal vaccino bivalente a base di BA.1 dell’azienda.

Per cercare di dare un senso a risultati come quelli di Moderna, un team guidato da Deborah Cromer, modellatrice matematica presso l’Università del Galles del Sud (UNSW) a Sydney, in Australia, ha raccolto tutti i risultati aggiornati delle sperimentazioni sui vaccini che sono riusciti a trovare, nonché studi di quarta dose del vaccino originale.

Entrambi i tipi di vaccino hanno fatto salire alle stelle i livelli di anticorpi, ma le versioni aggiornate lo hanno fatto a livelli in media 1,5 volte superiori a quelli dei vaccini più vecchi basati sulla sequenza SARS-CoV-2 originale. “Non stiamo parlando di un cambio di passo”, dice Cromer.

Meno ricoveri

Gli studi suggeriscono che livelli più elevati di anticorpi neutralizzanti equivalgono a una migliore protezione contro COVID. Ma dagli studi sui vaccini aggiornati non era chiaro quanto potessero essere più efficaci.

Per determinarlo, il team di Cromer ha applicato un modello che lei, l’immunologo dell’UNSW Miles Davenport e i loro colleghi hanno sviluppato mettendo in relazione l’efficacia dei vaccini COVID-19 originali con i livelli di anticorpi2. Il modello ha rilevato che la maggior parte dei vantaggi dei vaccini aggiornati deriva dall’assunzione di una dose extra di qualsiasi vaccino.

Ad esempio, in una popolazione in cui metà delle persone è già protetta contro un’infezione sintomatica da SARS-CoV-2 attraverso vaccini e infezioni precedenti, un vaccino di richiamo aggiornato ha aumentato la protezione fino al 90%, rispetto all’86% di protezione fornita da una dose aggiuntiva di il vaccino originale. Per la protezione contro malattie gravi, le differenze nella protezione erano di pochi decimi di percento (vedi “Come si misurano i booster COVID”).

A livello di popolazione, i vaccini aggiornati potrebbero avere senso. Il team di Cromer ha stimato che, per ogni 1.000 persone, una campagna di richiamo basata su vaccini aggiornati comporterebbe in media 8 ricoveri in meno rispetto a una basata su vaccini più vecchi. “Se ciò si traduce in letti d’ospedale salvati e casi gravi evitati, potrebbe essere un livello sufficiente per giustificare la raccomandazione per una variante di richiamo”, afferma.

I vantaggi relativi dei booster basati su varianti potrebbero aumentare, quando l’immunità preesistente diventa improvvisamente bassa a causa di una nuova variante (vedi “Questioni sull’immunità”). Ciò si è verificato a dicembre con l’emergere di Omicron e potrebbe accadere di nuovo. In questo scenario, un vaccino a base di Omicron potrebbe fornire una protezione molto migliore rispetto ai vecchi vaccini ancestrali, afferma Cromer.

L'immunità conta.  Grafici che mostrano dove i colpi di richiamo possono migliorare l'immunità.

Beneficio a lungo termine

All’inizio della campagna di richiamo negli Stati Uniti, ha deciso di utilizzare un vaccino Omicron diverso da quello approvato dal Regno Unito. A giugno, un comitato consultivo della Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha chiesto alle aziende di sviluppare vaccini bivalenti basati sul ceppo originale e sulle varianti di coronavirus BA.4 e BA.5 – che hanno sequenze proteiche spike identiche – invece di il vaccino bivalente BA.1 che è stato sperimentato da Moderna, Pfizer-BioNTech e altri. La speranza era che, abbinando meglio i ceppi circolanti, i vaccini si sarebbero rivelati più efficaci.

Ma l’analisi di Cromer suggerisce che le differenze potrebbero essere minime. Anche i vaccini aggiornati basati sulle varianti Beta e Delta dovrebbero proteggere dalle infezioni BA.4 e BA.5 quasi così come i vaccini basati su tali varianti. Allo stesso modo, i vaccini bivalenti che includevano il vaccino originale non sembravano più efficaci dei vaccini basati esclusivamente su una variante più recente.

Per questi motivi, la decisione della FDA di respingere un booster basato su BA.1 probabilmente non valeva la pena, afferma Cromer, in particolare perché SARS-CoV-2 continua ad evolversi. “Non sembra suggerire che darà un notevole miglioramento dell’efficacia del vaccino di richiamo per avere quel leggero cambiamento”.

Dean Follmann, uno statistico presso il National Institute of Allergy and Infectious Diseases degli Stati Uniti a Bethesda, nel Maryland, afferma che anche i benefici marginali di un vaccino basato su BA.4 e BA.5 potrebbero essere sufficienti per giustificare il loro lancio. “Probabilmente è un po’ meglio. Molto meglio, probabilmente no. Inoltre, afferma che il messaggio principale dell’analisi dovrebbe essere che qualsiasi booster COVID-19 è buono.

Altri scienziati mettono in dubbio la decisione di perseguire i booster varianti, quando il vantaggio è così piccolo. Moore teme che le persone vengano indotte in errore a pensare che i vaccini aggiornati siano di gran lunga più efficaci dei vaccini esistenti e potrebbero quindi esporsi a maggiori rischi di infezione.

Paul Offit, uno scienziato sui vaccini del Children’s Hospital di Filadelfia in Pennsylvania, uno dei due membri di un comitato consultivo della FDA a votare contro l’aggiornamento dei vaccini COVID-19, afferma che l’analisi di Cromers sottolinea il suo scetticismo. “Se questo vaccino non è più efficace degli attuali vaccini, allora perché distribuirlo”, dice. “Avrai un impatto minimo sull’incidenza di malattie gravi”.

A lungo termine, probabilmente ha senso sviluppare vaccini basati su varianti, afferma Cromer, ma l’idea che debbano corrispondere strettamente ai ceppi virali circolanti non è realistica e controproducente quando sono già disponibili vaccini altamente efficaci. “Il richiamo del vaccino più importante è quello che ottieni effettivamente”.

Leave your comment